Tra sogno e realtà di Vilma Serapiglia parte 2
Racconti / 11 Febbraio 2011

Mi avvicinai con passi lenti verso il suonatore d’arpa, senza capire perché il mio cuore battesse così forte da esplodermi nel petto.. Era una sensazione molto forte ma nonostante ciò decisi di non resisterle.. Appena mi vide, l’elfo sorrise..

Tra sogno e realtà di Vilma Serapiglia parte 1
Racconti / 8 Febbraio 2011

“Vilma Serapiglia, mamma a tempo pieno presso i miei figli…”, così si descrive questa simpatica amica di www.warlandia.it sul suo profilo FACEBOOK. Inizia oggi una collaborazione nella scrittura di racconti che pubblicheremo sul nostro sito a puntate. Il racconto di oggi è Sospesa tra sogno e realtà ed è un po’ fuori periodo perché natalizio. A me è piaciuto e ho voluto condividerlo con tutti voi.

Knazi e la foresta parlante COMPLETO
Racconti / 26 Dicembre 2010

Knazi si svegliò all’alba come era solito fare. Le foglie dell’albero in cui aveva ricavato la sua casetta si erano insolitamente ingiallite e stavano morendo. Il piccolo gnomo si lavò il volto con una goccia di rugiada e prese da un incavo nel tronco dell’albero un sacco di tela dove aveva conservato un pezzo di torta di acero: una vera leccornia per uno gnomo.

Faccende di casa
Racconti / 18 Aprile 2010

Asciutto.
Il pavimento asciutto, ormai. Mario aveva pulito tutto, a terra.
Meticolosamente, con precisione. Aveva preso una scopa e aveva iniziato a pulire a terra e lentamente- come se non avesse avuto altro da fare- aveva tolto tutto dal pavimento. Posò la scopa e si asciugò la fronte.

Uomini e Orchi
Racconti / 23 Novembre 2003

by Legolas Un’altra giornata di battaglia è conclusa. Quanti uomini avrò ucciso? Venti?  Trenta? Ho perso il conto. Mi ricordo solo di un cucciolo di uomo, avrà avuto tredici o quattordici anni. Mi guardava con gli occhi impauriti di chi stava affrontando la sua prima battaglia. La mia ascia ha troncato i tendini della sua spalla, proprio alla sinistra del collo, fissando per sempre nel suo volto quella strana espressione. Ora mi trovo nel mio accampamento, davanti ad un fuoco, a bere e a chiaccherare con gli amici. Dall”altra parte della vallata sono accampati gli umani. Anche loro staranno bevendo vino, vantandosi del numero di nemici uccisi in combattimento. In fondo, dentro ad ogni uomo c”è un orco. E dentro ad un orco un uomo. Meglio se rosolato con dragoncello e rosmarino.