Il giovane Achille (recensione)

23 Agosto 2022

Cantami o diva del Pelide Achille l’ira funesta….con le parole di Omero iniziamo un nuova avventura per ragazzi con un libro che mia figlia ha adorato e divorato in un giorno solo…e che io, anziano, ho letto in 2 giorni e sono tornato indietro nel tempo come avessi io stesso 12 anni!

Grazie all’autore Alessandro Ricci e alla magnifica NPS EDIZIONI che mi ha fatto dono di questo bellissimo romanzo perché potessi recensirlo!

NPS edizioni

Alessio è un ragazzo di 12 anni molto arrabbiato con la vita. Ha perso la mamma e vive con un padre molto assente e incapace di avere una relazione con il figlio. Alessio è astioso verso tutto e tutti e ha un pessimo comportamento a scuola.

Il ragazzo ha una piccola malformazione al tallone, per tale ragione zoppica vistosamente. I compagni di scuola lo prendono in giro e usano questa sua difficoltà fisica per rendergli la vita impossibile. Un vero tallone d’Achille che gli impedisce di vivere a pieno la sua vita.

Il giovane Achille di Alessandro Riccu
Il giovane Achille di Alessandro Riccu (NPS Edizioni)

Forse, però, non è proprio il tallone che gli procura i guai e che lo mette nello stato d’animo di vivere sempre da solo e fuggire le relazioni. Alessio non ha amici se non un pupazzo di pezza regalatogli dalla madre a cui è legatissimo proprio perché gli ricorda la sua mamma.

La storia ci mostra un Alessio sempre più bersagliato dal bullo della scuola e mai difeso dai compagni, compatito e isolato persino dai professori. La sua reazione alla violenza è una maggiore violenza contro chi lo bersaglia.

Un giorno, a causa di una di queste sue reazioni, si mette nei guai e il padre, alla fine della scuola, lo punisce inviandolo in campeggio per imparare a socializzare. Per lui è peggio della prigione: vivere con altri mocciosi che lo prenderanno in giro.

Alessio ha un sogno: diventare uno scienziato pazzo….per questa ragione inventa un mucchio di cose (non tutte funzionanti), e le scrive in un suo libro segreto.

L’esperienza del campeggio lo cambierà per sempre e lo porterà a scoprire che non tutti sono sempre pronti ad attaccare briga perché ti identificano come il debole. In campeggio conoscerà degli amici speciali con cui legherà moltissimo e che lo eleggeranno a leader del gruppo.

Mille piccoli eventi porteranno Alessio a riconoscere come amici Claudio, Cristiano e gli altri ragazzi del suo gruppo di piccoli “Panda“, ribattezzato poi in AKEI dai ragazzi stessi, usando un acronimo.

Bellissimi i continui riferimenti all’Odissea e all’Iliade a partire dal titolo del romanzo Il giovane Achille e proseguendo per gli AKEI (Achei è il nome del popolo, AKEI il nome da battaglia del gruppo dei Koala al campeggio!) e finendo con una copia del cavallo di troia di cui non voglio dire nulla per non svelare troppi segreti di questo magnifico libro.

Alessandro Ricci autore
Alessandro Ricci autore

L’autore, Alessandro Ricci, è bravissimo. Il suo stile narrativo è immediato, ma non banale. La storia è complessa al punto giusto e i personaggi sono molto caratterizzati.

L’autore ha grande cura nel raccontare le difficoltà di un adolescente bullizzato, nel dipingere il difficile rapporto padre figlio, le difficoltà dell’adolescenza, la forza dell’amicizia e del gruppo. In circa 250 pagine, che non sono troppe e neanche poche per un ragazzo, ci sono emozioni, riflessioni, avventura, divertimento e invenzioni strampalate…non manca nessun ingrediente per creare una storia perfetta!

Il libro è anche illustrato dalla bravissima Stefania Franchi che ha uno stile piuttosto riconoscibile e che ha curati altri libri per NPS.

Un commento