Un po’ Beat e un po’ no – Jack Kerouac e Rino Gaetano
Libri , Musica / 17 Febbraio 2022

– Premessa a Cecità di Josè Saramago “Cos’è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l’addio. Ma intanto ci si proietta in avanti verso una nuova folle avventura sotto il cielo.” (Sulla strada – 1957) Ho iniziato a leggere, da poco, Sulla strada di Jack Kerouac, un libro che travolge, la cui storia trasuda di irrequietezza e solitudine. Si corre tra le pagine e sulla strada, mentre intorno tutto scivola via, tutto si sfalda, tutto crolla, e si rimane a guardare la devastazione, incapaci di agire. Kerouac, o se vogliamo il suo alter ego letterario Sal Paradise, è affamato, ha una fame insaziabile di vita e parte, senza sapere dove andare, senza sapere cosa fare. Parte insieme al suo amico Dean (nella realtà Neal Cassady), che incarna tutta la decadente euforia di una generazione persa, che fugge da se stessa, per non ritrovarsi mai. Talmente grande è il senso di vuoto e spaesamento che pervade le pagine tormentate di questo libro, che ho avuto io stessa la necessità di scrivere, prima ancora…