Streghe di Italia: L’anatema della dragunara e La vecchia del pozzo

Da oggi dei mini articoli sui singoli racconti tratti dalla raccolta dal titolo Streghe d’Italia pubblicato da NPS EDIZIONI.

witch eyes
witch eyes

Il primo racconto tratto dalla raccolta Streghe d’Italia  è intitolato L’anatema della dragunara scritto da Giuseppe Gallato ed è ambientato in Sicilia fra Trapani e Palermo. La protagonista è Medea, una giovane accusata di stregoneria dalla Santa Inquisizione.

draunara
Draunara

Medea fa un sogno ricorrente in cui una vecchia dall’età indefinibile si riferisce a lei con queste parole in dialetto sicialiano: “Donna du vientu. Timpesta ri ventira. Draunara” (Donna del vento, tempesta di venti, dragonara”. Medea non capisce di cosa sia accusata.

La narrazione del suo processo da parte dell’inquisitore è inquietante e dettagliata. Vengono nominati diversi oggetti usati per torturare le persone che erano davvero terribili e in uso durante quel periodo così orribile in cui la chiesa e i potenti usavano il loro potere per sottomettere chi si opponeva loro. Medea è una donna abusata che si ribella e per questa ragione viene condannata come strega…un racconto da brividi.

La vecchia del pozzo
La vecchia del pozzo e la strage di Cesena (1377)

La vecchia del pozzo è un racconto di Marco Bertoli ambientato a Cesena fra il 1377 e i giorni nostri in modo alternato.

Nel passato si narra di una strage ordinata da un cardinale che pretende dal suo esercito di mercenari che uccidano tutti gli abitanti di un paesino per soddisfare il suo ego offeso.

Al presente, invece, viene raccontato di una vecchia strampalata che canticchia in dialetto nenie inquietanti mentre si affaccenda in casa. Di lei, però, non si chiarisce quasi nulla fino all’ultima pagina. La narrazione alternata fra passato remoto e presente crea un legame fra i personaggi apparentemente così lontani. Il racconto si ispira al massacro dei Bretoni operato dalla Chiesa su comando di Roberto di Ginevra che fece uccidere circa 5000 persone. 

La sola a salvarsi è una ragazza giovanissima che resta sopraffatta dal dolore, dalla visione dei morti e dalla fame. La fame che, a volte, può richiamare la parte più animalesca di ciascuno di noi. 

Comments

  1. […] un libro da NPS dal titolo La signora che vede i morti di Marco Bertoli. Abbiamo già conosciuto questo autore grazie ai suoi racconti in Streghe D’Italia e Bestie […]

Comments are closed.