Io mi chiamo Yorsh, io mi chiamo Gilad

29 Luglio 2011

Prequel a Ultimo Elfo

Da anni seguiamo l’azione sociale ed editoriale della nostra amata Silvana De Mari. Ci piace sottolineare che persona è questa donna che si batte da anni come medico in prima linea per persone che hanno vite impossibili.

Io mi chiamo Yorsh di Silvana De Mari insieme ad altri suoi romanzi

Sul suo blog la De Mari ha annunciato la pubblicazione di un PREQUEL a uno dei suoi romanzi più famosi dal titolo L’ultimo elfo.

Abbiamo voluto dare spazio alle parole dell’autrice che apprezziamo da sempre. Per quanto si possa condividere o meno l’idea è mia intenzione informare il pubblico.

TRATTO DAL BLOG DI SILVANA DE MARI

Io mi chiamo Yorsh. Io mi chiamo Gilad è un libro in due parti.
La saga degli Ultimi comincia con Yorsh bambino, unico sopravvissuto alla sua gente sterminata, disperso in una terra annegata nel fango delle inondazioni e in quello ben più terribile del genocidio. Yorsh è il bambino scampato dalla masseria armena, è il bambino dal ghetto rimasto vivo dopo il passaggio delle squadre della morte. Nel mausoleo della memoria di Yad Vascem c’è una stanza immersa nel buio illuminata dalle foto dei bambini sterminati. Di loro non è rimasto nulla salvo, e neanche sempre, il nome e una foto. Una voce ininterrotta scandisce i loro nomi.
La prima parte del libro Io mi chiamo Yorsh è il prequel de L’ultimo elfo ci farà ascoltare tre voci. Racconterà la storia della nascita di Yorsh, il protagonista de l’Ultimo Elfo: due delle voci che udiremo sono quelle dei suoi genitori, e quindi sarà la dolcissima e tremenda storia dell’incontro di un uomo e una donna, che avviene durante un genocidio, mentre il loro popolo, quello degli Elfi, viene deportato e sterminato.
La terza voce, quella che ascoltiamo per prima, la voce di uno dei distruttori. Quelle dei distruttori sono voci che noi non abbiamo ascoltato.
Che cosa può spingere un uomo a godere della distruzione di un popolo?

La seconda parte del libro, io mi chiamo Gilad, è dedicata al caporale israeliano Gilad Shalit.

continua sul blog:

http://silvanademari.splinder.com/post/24657632/io-mi-chiamo-yorsh-io-mi-chiamo-gilad

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.