VEDERE di Mattia Zadra

23 Settembre 2011

VEDERE è un romanzo particolare che mi ha particolarmente colpito per diversi aspetti: lo stile, la trama e la gestione del tempo.

L’autore, un giovanissimo Mattia Zadra, non nasconde la sua familiarità e la sua enorme stima per Chuck Palahniuk, al punto da far leggere al personaggio del suo romanzo, Kyle, uno dei suoi libri all’inizio del romanzo.

VEDERE è un romanzo che si legge di un fiato e che coinvolge il lettore ad ogni breve capitolo.

vedere di Mattia zadraIl ritmo dei capitoli è veloce e incalzante: ci si scopre curiosissimi di mille possibili soluzioni alla follia della storia che leggiamo. Personalmente ho pensato a qualcosa che avesse a che vedere con la distorsione temporale e un suo possibile riallineamento, ma immagino che ognuno di noi abbia avuto la propria personale idea su come spiegare quello che accade a Kyle nel romanzo.

L’autore ci sorprende con un finale non facilmente prevedibile e ci lascia stupiti, ma soprattutto deliziati di una così piacevole lettura.

I miei complimenti per l’autore sono sinceri e mi auguro di poter presto leggere altro scritto con la medesima partecipazione.

PREMESSA SULLA LA TRAMA

La cosa che ho notato rimirando la mia copia autografata è che Mattia non ha inserito una sola riga che accenni a quale sia la tram del suo romanzo. Penso che due parole sul retro de libro lo renderebbero più ghiotto agli occhi di un lettore casuale.

LA TRAMA (NO SPOILER)

Kyle è un giovanissimo lavoratore che vive da solo con il suo gatto in un appartamento in città. La sua è una vita triste e sempre identica: colazione, lavoro, stessi colleghi da 5 anni, mai una novità o una buona notizia. In pochi capitoli si viene a conoscenza del mondo a cui appartiene Kyle e delle persone che fanno parte della sua vita.

Il romanzo fa vivere al lettore il presente (triste e disulluso) del giovane Kyle e, parallelamente, un passato in cui Kyle viveva con Cathlyn, l’amore della sua vita. In quel passato Kyle crede all’amore e alla possibilità di essere felice. Nel suo presente, invece, Kyle soffre in particolare della solitudine in cui è relegato da quando ha perso la sua Cathlyn. A sdrammatizzare la sua esistenza c’è Mark, suo miglior amico di sbronze, con il quale è solito fumare erba e bere birra fino al più completo oblio.

Nel presente triste e solitario di Kyle appare all’improvviso una giovane donna dai capelli rossi, Sarah, che appare e scompare senza una spiegazione logica. Sarah è l’unica che non solo lo guarda, ma che lo VEDE.

VEDERE è un atteggiamento e non soltanto uno dei sensi. Kyle soffre di vivere in un mondo in cui nessuno VEDE gli altri, ma soltanto li guarda con indifferenza.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *