The game di Alessandro Baricco
Libri / 6 Febbraio 2019

Quando mi confronto con una persona così competente come Alessandro Baricco non me la sento di scrivere accanto al titolo del mio articolo la parola RECENSIONE 🙂 ma due parole posso spenderle comunque! Alessandro Baricco riflette sul cambiamento culturale imposto dalla rivoluzione tecnologica degli ultimi 30 anni. L’informatica ha cambiato pelle, giorno dopo giorno è entrata nella nostra quotidianità e ci ha trasformati come individui e come uomini. La sua analisi parte dai videogames che hanno caratterizzato la nostra infanzia negli anni 80 e da quelli si muove passo passo verso l’evoluzione mentale che ha comportato tutti i cambiamenti che ancora oggi sono in atto e di cui facciamo tutti parte. Il primo iPhone della Apple è quasi una pietra miliare. Un oggetto nuovo che permetteva a chiunque di far molte cose complesse con gesti semplicissimi: ascoltare musica, telefonare, scattare foto, inviare email e molto altro. Il cambiamento è culturale non solo tecnologico, ma la velocità con cui questo avviene è quasi inspiegabile. Negli ultimi 10 anni abbiamo imparato un nuovo modo di vivere il mondo, ispirato per semplicità al mondo dei videogiochi. Per questo il titolo del libro è The Game. Un gioco complesso, ma in apparenza molto semplice,…

Parliamo di musica su Warlandia.it
Musica / 16 Gennaio 2018

Come fai a non amare la musica? Non è possibile! Quando ascolto la musica il mio cuore batte a ritmo del rullante, quando suono o canto un’emozione che non so descrivere mi rapisce e mi trasporta in un mondo tutto mio. Per queste semplici ragioni ho deciso di aprire una sezione di Warlandia.it sulla musica dove parlare di tutto quello che mi piace sulla musica. Dalle canzoni che ascolto, alla mia piccola esperienza di musicista autodidatta a mille altri aspetti che vorrei raccontarvi. Ho sempre ascoltato musica (chi non lo fa?), ma intorno ai sedici anni ho avuto il mio primo incontro con la chitarra e tutto è cambiato. Ho iniziato ad ascoltarla in modo selettivo, cercando di imparare più possibile, copiando da chi era più bravo di me e coltivando la mia passione in un modo diverso. Ai miei tempi non c’era Internet e per avere un disco o te lo compravi in vinile (bellissimi) oppure in nastro. Sono talmente giovane che non c’erano neanche i CD che arrivarono qualche annetto dopo. Le canzoni potevi copiarle da un amico chiedendogli in prestito il disco o il nastro (spesso già una copia a sua volta). Potevi registrarle dalla radio e…

Il pescatore di sogni di Jacopo Ratini
Racconti / 7 Gennaio 2015

Carissimi amici di warlandia.it buon 2015 a tutti! Oggi vi voglio suggerire di ascoltare, vedere e raccontare una fiaba bellissima che ho trovato su youtube scritta e realizzata da Jacopo Ratini: Il pescatore di sogni. E’ una storia dolcissima accompagnata da una musica meravigliosa suonata al pianoforte che ci condurrà nel mondo della fantasia. Il pescatore di sogni è un uomo buono che pesca sogni per il Sonno in un lago per metà azzurro e per metà nero. Nella parte azzurra si pescano i sogni, mentre nell’altra metà gli incubi. Il pescatore di incubi è un uomo crudele e spietato, acerrimo nemico del buon pescatore di sogni. Di mezzo c’è un amore non corrisposto per il buon pescatore nei confronti di una fanciulla con il potere di guarire dall’odio le bestie feroci baciandole sul muso.   Non voglio rovinarvi la storia, ma vi invito a vedere il filmato, poi riascoltarlo al buio con gli occhi chiusi per gustarvelo meglio. A mia figlia di tre anni e mezzo piace da morire e anche a me. E’ diventata la nostra fiaba della buona notte. La consiglio a tutti. Un enorme grazie all’autore Jacopo Ratini, giovane cantautore e scrittore romano il cui blog è http://jacoporatini.wordpress.com/…

Fantasy made in Italy – I diari della terza era
Cinema / 30 Gennaio 2014

Per chi fosse appassionato de Il Signore degli Anelli e di cinema indipendente propongo questo cortometraggio interamente realizzato in Italia da due giovani registi con tanta passione e pochi mezzi. Il titolo è I diari della terza era ed è di chiara ispirazione Tolkeniana. Claudio Ripalti e Daniela Cancellieri hanno scritto e diretto il corto ricercando fra la gente comuni gli attori, realizzando sia le riprese che le colonne sonore e tutto il resto in casa. Il prodotto è di buona fattura e per gli appassionati vale la pena di essere visto e diffuso. Le riprese sono state realizzate tutte nelle zone prossime a Fermignano, paese da cui vengono entrambi i registi. La scelta è stata dettata sia da necessità logistiche sia dalla bellezza dei luoghi che si prestano alla tipologia di ambientazione. La storia che hanno voluto realizzare è ispirata al personaggio del re Stregone, capo dei Nazgul, privo di un vero corpo e dotato di un potere sovrannaturale. Il protagonista è un esordiente che non aveva mai recitato: Alessandro Gabbianelli già maestro d’armi e che ha prestato la sua opera con grande entusiasmo. Auguro a tutti buona visione e tanti complimenti a tutti coloro che hanno realizzato il cortometraggio.