Retrogame o retroplayer?
Videogames / 18 Novembre 2014

Lo so che pare vecchiume se paragonato con i giochi di oggi, ma io questo sono: VECCHIO! A quasi 40 anni suonati mi ritrovo ancora a giocare online con amici vecchi e nuovi e a sentirmi chiedere di entrare in un CLAN francese. Effettivamente con un nick come Napoleonardo dove pensate mi potessi collocare per qualche tempo? Così dopo vicissitudini di ogni tipo e passaggi di clan in clan, ieri mi sento wispare da un certo ACTARUZ (amico di vecchia data) che mi chiede se voglio entrare nel suo clan! Il clan in questione si chiama JUST! Ho pensato: “Ecco facciamo contento questo dodicenne!”. Poi mi sono sentito subito in dovere di spiegargli che, però, io non sono un ragazzino, che ho 40 anni a giorni e che giocherò pochissimo per via degli impegni di un adulto. Lui che mi risponde? – “Ahaha no problem, man I am 38!” Grazio a Dio un vecchietto come me…così comincia questa nuova avventura francese che per uno che all’inizio si rifiutava di entrare in un qualsiasi clan è un bel passo avanti.

Retro Games – The secret of Monkey Island
Videogames / 18 Febbraio 2013

Torniamo a parlare di retrogames e lo facciamo con una pietra miliare delle avventure grafiche: The secret of Monkey Island. Il genere nasce prima del 1980 nella versione solo testuale e la narrazione è molto curata per dare al giocatore un quadro mentale completo della situazione in cui si trova e delle possibilità di scelta di fronte alla quali è posto per proseguire la sua avventura. Ovviamente Lucas Arts realizza il suo capolavoro con Monkey Island in cui guidate un giovane Guybrush Threepwood nel percorso per diventare un pirata. Il ragazzo viene sottoposto a delle prove da parte di tre vecchi pirati. Nel seguire il percorso indicatogli incontra la donna di cui si innamora: Elaine Marley. Purtroppo, però, anche il fantasma del pirata LeChuck è innamorato di lei e la rapisce. Il compito del player è quello di liberare la donna dei suoi sogni. Il tipo di gioco fece impazzire milioni di utenti e nacquero una miriade di versioni e di giochi simili. In questi ultimi anni c’è stato un ritorno di fiamma per questo tipo di giochi, ovviamente con una cura delle grafica adatta ai tempi.  

Retro Games – Warcraft II
Videogames / 3 Dicembre 2012

Dopo il mio primo articolo su Warcraft: Orcs and Humans, è il momento di tirar fuori dal cappello Warcraft II: Tides of Darkness che fu nel 1995 la vera novità in ambito RTS. Il ritorno degli orchi alleati di potenti negromanti (anticipazione dei futuri non morti in Warcraft 3), contro l’alleanza fra umai ed elfi, scatenò un fenomeno di massa. Il gioco introduceva la possibilità di appoggiarsi al nuovo servizio per giocare online supportato da Battle.net che rendeva il gioco infinito permettendo ai player di confrontarsi non solo contro il PC nelle missioni di gioco previste (le campagne), ma di giocare online contro i giocatori di tutto il mondo. Ancora una volta Warcraft fu un mix di gestione economica e strategia di guerra che costringeva i giocatori a tener contro delle risorse ambientali: oro, legna e petrolio. Quest’ultimo era alla base della costruzione di imbarcazioni di ogni tipo. Le navi includevano tipi per il trasporto di unità, quelle d’attacco veloce e quelle lente, ma potenti insieme alle navette per l’estrazione del petrolio. Insieme alle unità di mare e quelle terrestri c’erano persino unità aeree per entrambe le fazioni. Le grafica era piuttosto bella anche se oggi può sembrare antiquata e…

Retro Games – Shinobi
Videogames / 19 Novembre 2012

SEGA è stata per anni una delle software house leader nel settore videogames. In sala giochi era sicuramente riconoscibile lo stile grafico e la fluidità dei movimenti dei personaggi realizzati. Uno dei giochi della mia giovinezza a cui ho dedicato tempo e denaro (in sala giochi si paga per giocare ogni singolo game con una moneta!) è stato sicuramente SHINOBI. In SHINOBI impersiamo un ninja molto agile e attrezzato di tutto punto che colpisce i propri nemici dalla lunga distanza con le proprie armi o nel corpo a corpo mostrando le sue conoscenze delle arti marziali. Il gioco è del 1987 ed è un platform a tutti gli effetti. Soltanto alcune sessioni di gioco avvengono in un insolito stile in prima persona (tipo Quake per intenderci) in cui dovete colpire dalla distanza gli avversari con le shuriken. Il vostro personaggio è un super ninjia che dovrete condurre per 5 complessi livelli (suddivisi in scenari) dall’attaccare dei terroristi e bloccarli sino a neutralizzare il clan ninja avversario. Un gioco che vale la pena di essere giocato anche oggi in versione MAME.

Retro Games – Golden Axe
Videogames / 5 Novembre 2012

Ragazzi che gioco! 1989 SEGA realizza il suo picchiaduro a scorrimento di cui ho più nostalgia: Golden Axe! Prima del multiplayer online in sala giochi i  videogames della seconda metà degli anni 80 danno la possibilità a un gruppo di amici di giocare insieme (non più di 2 alla volta). Il tiranno ADDER ha rapito il re e la principessa del reame di Yiuria e rubato la Golden Axe che è il simbolo del potere degli uomini. Tre eroi di natura diversa si scaglieranno contro le orde nemiche per liberare i regnanti e recuperare la mitica SCUDE D’ORO simbolo del potere. I tre sono un guerriero barbaro (Ax Battler) che combatte con uno spadone a due mani, un nano con l’ascia (Gilius Thunderhead) e la guerriera amazzone (Tyris Flare) che combatte con una spada a una mano e mezza (spada bastarda). Ognuno dei tre può lanciare un incantesimo diverso: il barbaro evoca il potere della terra, il nano quello del fulmine e l’amazzone quello del fuoco. Una colonna sonora indimenticabile e un gameplay fantastico. Un vero mostro mangia soldi che mi convinceva sempre a riprovare a superare i miei limiti. Bellissimi i giganti pelati con martellone e le cavalcature che…

Retro Games – Day of the tentacle
Videogames / 8 Ottobre 2012

Chi non ricorda con affetto le avventure grafiche? Ce ne sono innumerevoli e con storie bellissime. Non ultima, anche se decisamente recente rispetto alle storiche Monkey Island, è il secondo capitolo di Maniac Mansion dal titolo Il giorno del tentacolo. Prodotto dalla Lucas Art nel 1993 è un gioco davvero bellissimo in cui occorre anche un po’ di pensiero. La storia è semplice: un paio di tentacoli vengono creati in laboratorio: tentacolo viola e tentacolo verde grazie a una invenzione del dott. Edison. Tentacolo viola diventa consapevole e parte alla conquista del mondo. Nel frattempo tre amici (il dott. Bernard Beornoulli, l’amico metallaro Hoagie e la simpatica Laverne) decidono di tornare indietro nel tempo a un istante prima che venissero creati i due tentacoli per evitare il danno. Purtroppo il diamante che usano per far funzionare la macchina del tempo è finto e si distrugge lanciando i tre amici in tre diversi ambiti temporali. Bernard resta nel presente, Hoagie viene spedito nel passato all’epoca di Franklin e Laverne va in 200 anni avanti nel futuro. Al player il compito di portarli indietro e tutti insieme per fermare l’avanzata di Tentacolo Viola alla conquista del mondo. Per risolvere il gioco dovete…

Guild Wars 2- Il sistema degli EVENTI DINAMICI
Videogames / 4 Ottobre 2012

Uno dei nuovi giochi del momento (uscito il 22 agosto 2012) è sicuramente GUILD WARS 2. La sua ambientazione è bellissima, la grafica di alto livello e ci sono moltissime caratteristiche che lo rendono un gioco vincente. Quello che però mi ha davvero colpito è l’idea di creare un sistema chiamato Dynamics Events (cioè eventi dinamici) che consenta a ciascun giocatore di avere un ruolo e un impatto all’interno del mondo in cui gioca. A differenza di altri giochi di questo genere nel mondo di Tyria ogni vostra azione è importante e causa delle conseguenze. Se, per esempio, salvate un villaggio dagli ogre, questi potranno tornare con armi di assedio o riorganizzarsi per un nuovo attacco in modo diverso. ll gioco cooperativo è incoraggiato e l’esperienza di gioco per ciascun PG non diminuisce se giocate insieme per abbattere più facilmente i nemici. Questo incoraggia il gioco di squadra e lo rende più divertente.

Retro Games – Warcraft Orcs and Humans
Videogames / 2 Ottobre 2012

Parlando di retro games il nostro sito non può trascurare di accennare almeno in parte ad un gioco che ha dato origine al nostro stesso sito. Il gioco in questione è, ovviamente, WARCRAFT del 1994. Avevo 20 anni ed era la prima volta che vedevo un gioco RTS (REAL TIME STRATEGY). Mi incuriosì moltissimo vedere che il gioco consisteva nel gestire un intero popolo sia dal punto di vista dell’economia che per la parte della guerra. In Warcraft 1 (per comodità lo chiamo così) era obbligatorio costruire la strada vicino agli edifici per far camminare le unità di base (peoni o peasent) e per costruire edifici o allenare unità dovevi avere oro e legna a sufficienza. La cosa comportava una scelta di equilibrio di gioco: in parte dovevi combattere per superare le missioni assegnate e per il restante tempo dovevi occuparti di casa tua raccogliendo legna e oro e costruendo case per avere cibo a sufficienza. Oggi queste cose potrebbero sembrare ovvie, ma all’epoca il gioco era rivoluzionario. La possibilità di scegliere di giocare con gli umani o con gli orchi completava il tutto dando un taglio decisamente fantasy all’ambientazione. Orchi e Umani avevano edifici analoghi, ma diversi e lo…

Retro Games – Donkey Kong
Videogames / 22 Settembre 2012

Uno dei giochi che sicuramente ricorderete in molti! Un platform bellissimo in cui un grosso gorilla che ricorda il mitico King Kong rapisce la bella di turno e la porta in cima ad una costruzione. Dovete salvare la bella dal bestione impersonando i panni di Jumpman (che ricorda moltissimo Mario di Mario Bros.) saltando e colpendo tutti gli oggetti che il gorilla vi lancia contro dall’alto. Il gioco è veloce e divertente e non sempre facile. Bisogna prendere la mani e i tempi con i comandi per saltare al momento opportuno i barili che vi Kong vi lancia contro e che, cadendo, urtano il bidone di infiammabile e generano le fiammelle che vi inseguono per tutto il tempo. Per superare il livello bisogna arrivare incolumi dalla ragazza liberandola. Ci sono quattro livelli con difficoltà crescenti. All’ultimo dovrete far precipitare Kong dal suo rifugio per vincire e completare il gioco. Indimenticabile e realizzato nel luglio del 1981 per moltissime piattaforme dell’epoca. C’era sia per sala giochi, che per COMMODORE, ATARI 2600, Apple II e molti altri computer dell’epoca.

Retro Games – Ghostbusters per Commodore 64
Videogames / 10 Settembre 2012

Da un film cult degli anni 80, con colonna sonora indimenticabile un super giochi per COMMODORE 64 da non dimenticare: Ghostbusters. La storia è quella del film in cui quattro amici si inventano un lavoro: cacciano i fantasmi che infestano le case della loro città. Il gioco è bellissimo anche se la grafica è molto datata. La cosa che mi colpì all’epoca e continua a farlo ancora oggi è la colonna sonora per COMMODORE che riusciva a riprodurre la linea melodica e faceva persino parlare (anzi cantare) il computer. Per quei tempi era una vera impresa da super eroi di altri tempi. La bellissima storia degli acchiappa fantasmi è nota a tutti, ma il gioco è per gente della mia età. La versione per COMMODORE è quella che mi ha colpito più di altre, ma ci sono sicuramente in giro versioni da sala giochi molto più complesse e ben realizzate come quella per SEGA MASTER SYSTEM.       Ghostbusters è un vero fenomeno degli anni 80 che ha trascinato la fantasia di migliaia di persone su film, giochi, cartoni animati, gadget e molto altro ancora.