Storie di Natale – (Sellerio) recensione

21 settembre 2017

Storie di Natale è una raccolta di sette racconti di altrettanti autori diversi. Edito da Sellerio e pubblicato nel 2016.

Il libro si apre con un bellissimo racconto di Andrea Camilleri dal titolo I quattro Natali di Tridicino. E’ una storia che sa di antico, parla di una Sicilia che non c’è più, parla di mare, di amore, di personaggi forti e pieni di passione. Il personaggio di Tredicino ha un rapporto con il mare così speciale da ricordare il protagonista di Novecento di Baricco. In realtà è un semplice pescatore, ma nato sul mare e ad esso legato in modo indissolubile. Persino in vecchiaia Tredicino si farà consigliare dal mare e lo ascolterà piuttosto che abbandonarsi alla stanchezza.

 

I racconti sono tutti molti diversi. Alcuni molto belli, altri meno. Il tema è quello del Natale, ma in alcuni casi è difficile coglierlo, in altri è un pretesto intorno al quale scrivere.

 

L’ultimo racconto si intitola Natale ad Ottobre di Alicia Bartlett. E’ brevissimo, ma molto dolce.

 

Parla di un uomo separato che alla vigilia di Natale riceve una chiamata dalla moglie che lo avvisa che la loro bambina è malata e non potrà passare le feste con lui. L’uomo depresso si accinge a passare un Natale orribile quando alla sua porta bussa una giovane donna che gli spiegherà di essere una testimone di Geova.

L’inaspettata visita verrà colta dall’uomo come occasione di compagnia. Nonostante le idee della giovane siano lontane anni luce dalle sue, l’uomo accoglierà la ragazza con grande rispetto.

 

Fra quelli che mi hanno colpito c’è Natale con i tuoi di Francesco Recami. E’ una mini odissea sotto Natale. Si tratta del racconto del viaggio di un gruppo di persone che la sera della vigilia di Natale devono prendere un aereo low cost per Palermo. Il maltempo renderà impossibile il viaggio, ma la testardaggine e l’egoismo insieme a mille altri aspetti positivi dell’uomo verranno abilmente raccontati in questo racconto in cui mi identifico moltissimo. A chi non è capitato in periodi di festa di subire ritardi mostruosi e di vivere piccole disavventure aeroportuali?

Una storia narrata in modo formidabile che vi farà sorridere.

Nessun commento

I commenti sono chiusi.